Sonia Peronaci

Sonia Peronaci lascia GialloZafferano.it

La fondatrice, Sonia Peronaci, lascia GialloZafferano per dar spazio alle sue idee.

Era il 2006 quando Sonia Peronaci, insieme al suo compagno, decide di fondare un sito di cucina online; il fenomeno di cuochi online e food blogger non era ancora esploso e GialloZafferano.it era uno dei tanti siti di ricette presenti nel web.

Nel 2009 entra però in gioco Banzai Media, iniziano le presenze in tv e Sonia Peronaci ci mette la faccia e pubblicare libri, diventando un icona e facendo decollare le visite del sito, che attualmente ha oltre 4 milioni di accessi mensili.

La formula del successo è semplice: ricette  semplici, veloci, fattibili da chiunque nella propria cucina, il tutto con il supporto di foto e video con spiegazioni passo-passo dei procedimenti.

Ora arriva però la notizia shock: Sonia Peronaci lascia GialloZafferano “Nessuna polemica, ci lasciamo benissimo. La decisione di andarmene l’ho presa io: avevo voglia di tornare a fare quello che facevo all’inizio, cucinare in casa, seguendo le mie ideee il mio gusto. In questi anni Giallo è diventato una grande azienda: dai quattro che eravamo all’inizio la squadra è diventata di 30 persone, Banzai si è quotata in Borsa, il sito ha numeri enormi. Insomma, è in grado di andare avanti con le proprie gambe. Mentre io mi sono accorta che lavorando in una struttura così complessa non è sempre possibile realizzare le proprie intuizioni, quindi ho avuto il desiderio di tornare autonoma. E di dare più importanza alla mia persona.”

Entro fine novembre sarà online il nuovo progetto www.soniaperonaci.it in cui Sonia Peronaci continuerà a pubblicare le sue ricette, con un occhio di riguardo alla cucina regionale e alle intolleranze.

Adesso comincia l’avventura, non posso sbagliare: è il mio sito, le mie ricette e ci sono altri progetti che in questi giorni devo vagliare. L’importante mantenere la mia identità, perché è quella che i miei utenti si aspettano di trovare. Ma sempre rinnovandomi.”

Potrebbe interessarti leggere